TELE JESOLO 

 

LA STORIA RACCONTATA DALL'UNICO FONDATORE VERAGO BEPI

Tutto inizio’ nel lontano 1972 quando mi regalai una telecamera di ottima qualità. Nei mesi invernali filmavo una piccola società sciistica denominata I PICCOLI DELFINI DI JESOLO per poi far riguardare le gare e gli errori agli atleti. All’epoca riprendevo anche il famoso Carnevale di Jesolo che vedeva una presenza di circa 30/35 carri mascherati.

Negli anni a venire conobbi Alfieri e altre persone che facevano parte di una radio denominata RADIO JESOLO NUMBER ONE. Alfieri e altri dopo aver avviato la radio ( erano già in area rotonda King’s Az.Bertazzoli) avevano avviato anche una stazione televisiva sperimentale e mi aggiunsi a loro in quanto avevo la telecamera. Entrai quindi a far parte del team. Le prime trasmissioni avvenivano nella sede della radio. Dopo varie sperimentazioni Alfieri & Co capirono che il segnale di trasmissione televisiva non era come quello radiofonico. Questa particolarità era stata spiegata da un amico di Alfieri e cioè un’installatore di radio e Tv della zona di Padova. Dopo vari mesi si decise di spostare la parabola di trasmissione dalla sede della radio a Cavallino in zona Mesole. Realizzammo il traliccio di trasmissione io Bison Daniele ed un’altra persona di Jesolo (forse Costantini).

Con questa nuova postazione la Tv si vedeva solo a Jesolo e Cavallino e per noi era troppo poco. Da qui incomincio’ il problema economico visto che il tecnico di Padova ci disse che bisognava potenziare il segnale che va dalla sede al trasmettore oltre che il segnale dello stesso. Soldi ne servivano molti, i soci nel fattempo si erano staccati e quindi presi in mano la situazione.

La sede della televisione denominata TELE JESOLO con il simbolo del salvagente ad oca, si spostò presso l’hotel Gardenia.

Su consiglio del tecnico di Padova cominciai ad acquistare nuovo materiale. La sala regia era composta da due Video Player Beta 3/11, una console di videoediting, una telecamera con video recorder portatile Sony e una Jvc e un TBC (time base corrector per la correzione del colore durante le registrazioni.

A mesole installai nuove parabole riceventi e aumentai la potenza del trasmettitore. Dovetti supportare il tutto da un potente gruppo elettrogeno in quanto la corrente Enel non era sufficiente. Iniziarono per molto tempo trasmissioni semplici basate su mie riprese sugli ambienti jesolani. Conseguentemente entrai in contatto con un certo Sig.Rossi di Mestre e cominciai a riprendere le gare ciclistiche ma il problema era che non si riuscivano a vedere nella zona di Venezia e Mestre in quanto le onde televisive sono simili ai fari di una macchina e cioè a fascio. Allora trovai una persona di Trieste che aveva un traliccio di 90 metri che acquistai. Trovai assieme al Sig.Rossi di Mestre una postazione che fosse buona per Jesolo,Venezia e Treviso. Aspettando l’autorizzazione dal Comune di Venezia continuavo a trasmettere saggi di ginnastica le partite del Basket Jesolo, il Carnevale Jesolano e l’Usignolo d’Oro.

Le trasmissioni iniziavano alle 17.00 con i cartoni animati seguiti sempre da telefilm per ragazzi, cortometraggi di avventura e verso le 20.30 film. D’estate con l’aiuto della Banca Cattolica veniva trasmesso il cambio della lira verso altre monete.

Successivamente attraverso i tecnici di Padova conobbi la direzione di RTR ed ebbi la possibilità di trasferire il ripetitore da Mesole al Monte Venda (PD) sotto quelli della Rai e passare dall’UHF 49 al 51 che era molto più pulito.

Da questo momento iniziò una nuova vita per Tele Jesolo. Essendo iscritto all’albo degli editori filmavo e  trasmettevo le partite del Venezia e del Treviso (e a velocità pazzesca dovevo inviare copia anche alle emittenti di riferimento della squadra avversaria).

Iniziarono gli introiti pubblicitari soprattutto da Jesolo,Caorle, Venezia e Treviso.

La sede fu trasferita in Piazza Mazzini e ampliai il palinsesto. ( ora il segnale partiva con una parabola posta sopra il condominio del Maxim).

Fui contattato da altre due televisioni Antennatre e Televenezia (se non sbaglio) per realizzare un Tg. insieme e si decise di spostare la regia di Tele Jesolo a Treviso come punto di riferimento.

Da questo periodo iniziano anche i guai : venne bruciato in modo doloso (trovarono le taniche di gasolio) il ripetitore del Monte Venda. Essendo assicurato chiesi il rimborso ma dovevo aspettare che le indagini si concludessero. Quasi in concomitanza rubarono l’attrezzatura in sala regia a Treviso e trovandomi nell’impossibilità di trasmettere il mio canale venne coperto dopo 15 gg. dalla nuova Retequattro.

Con enorme delusione e rammarico., dovetti chiudere Tele Jesolo

In allegato il monoscopio con il simbolo in basso dell’oca. ( IL PERIODO DI PRODUZIONE DI QUESTA EMITTENTE SECONDO ME E’ STATO DAL 1979-1980 FINO AL 1982 NON CREDO OLTRE)

 

( TESTO TRATTO DALLE MEMORIE DEL SIG.VERAGO)

(Fonte Igor Sperandio)